Viaticum blog logo

Viaticum


Visita le Marche. Cosa vedere nel borgo di Moresco in un giorno

Il Castello di Moresco si trova nell'entroterra della provincia di Fermo. Insignito del titolo "I Borghi più belli d'Italia", sovrasta la verde valle dell’Aso.

- Cristina Antonini

Moresco è un borgo circondato da mura medievali, ha forma triangolare con al vertice l’imponente Torre Eptagonale del XII secolo.

La sua è una posizione strategica: sovrasta la verde valle dell’Aso ed è circondato dalle dolci colline marchigiane, dal Mar Adriatico e dai Monti Sibillini.

La Valle dell’Aso, ai piedi di Moresco, è importante per le sue coltivazioni ortofrutticole: la pesca della Val d’Aso, grazie alle coltivazioni biologiche, è una delle più rinomate d’Italia.

Moresco, panorama dalla Torre Eptagonale

Le origini: Castrum Morisci

Le prime notizie del castello risalgono al 1083 e documenti risalenti al XII secolo testimoniano la reggenza di Tebaldo, conte di Moresco.

Il nome del borgo era Castello di Moresco, ma non è certo se derivi da un signore di nome Morico, dalla famiglia dei Mori, oppure dal toponimo morro, morrecine, che sta per luogo sassoso.

Lo stemma di Moresco, l'antica Castro Morisci

Le 5 cose che non ti puoi perdere a Moresco

La Torre Eptagonale del XII sec. è il simbolo del Castello di Moresco.

Costruita sulla parte più elevata del borgo, era il punto nevralgico dell’intero circuito fortificato: il luogo da cui organizzare la difesa del castello in caso d’assedio. Disponeva di un ingresso a dislivello, il primo tra gli accorgimenti utilizzati a quell’epoca per respingere gli ospiti indesiderati. A partire dall’XI secolo l’edificio ha assunto la funzione di torre civica.

Moresco, la Torre Eptagonale

Dalla terrazza della torre si può godere di un impareggiabile panorama, inoltre qui si trova anche una grande campana del XVI secolo, sorretta da una struttura in metallo ed ancora utilizzata, che rintocca alle 12 e alle 18.

Moresco, campana della Torre Eptagonale

La Torre dell’Orologio (torre minore) risale al Trecento, sovrasta la vecchia porta di accesso al castello ed è affiancata da un elegante portico cinquecentesco.

Moresco, Torre dell'Orologio

Piazza Castello forma il centro storico a struttura ellissoidale del borgo, con le sue strette vie ed il portico, all’interno del quale si trovava una Chiesa demolita nel XIX secolo.

Moresco, Piazza Castello

Della Chiesa che era all’interno delle mura, Santa Maria in Castro, rimane oggi solo la navata sinistra, divenuta portico ai lati della piazza, decorata dall’affresco della “Madonna con bambino” di Vincenzo Pagani.

Moresco, affresco della Chiesa di Santa Maria in Castro

Teatro Santa Sofia era in origine la Chiesa di Santa Sofia e s’incontra dopo essere passati sotto la Torre dell’Orologio. Oggi è un piccollissimo teatro con soli 50 posti ed è conosciuto dagli abitanti come “lu teatrì”.Si può ammirare al suo interno un meraviglioso ed interessante affresco della scuola di Carlo Crivelli (1430-1495).

Moresco, affresco della scuola di Carlo Crivelli (1430-1495)


Seguici

Seguici su Facebook
Seguici su Instagram
Seguici su Pinterest
blogviaticum@gmail.com