Viaticum blog logo

Viaticum


Visita le Marche. Cosa vedere a Pitino in un giorno.

Il castello medievale di Pitino si trova a Pitino, una frazione del comune di San Severino Marche, provincia di Macerata. Il castello aveva una posizione strategica e formava il sistema difensivo più importante dell'Alta Valle del Potenza.

- Cristina Antonini

Il castello di Pitino sorge a circa 11 Km da San Severino Marche e si erge su di un colle alto 602 metri.

Pitino, frazione San Severino Marche

I primi insediamenti risalgono al Paleolitico. Altri ritrovamenti archeologici hanno portato alla luce materiale della cosiddetta età del bronzo, ma la civiltà più importante che si sviluppò a Pitino fu quella dei Piceni, tra l’VIII ed il VI secolo a.C.

Con l’arrivo dei romani e la sconfitta dei Piceni, gli abitanti di Pitino furono costretti a lasciare la loro città, arroccata sul colle, e trasferirsi a Settempeda (oggi San Severino Marche).

Castello di Pitino

Il Castello di Pitino

In realtà, il Castello, di cui ancora oggi ammiriamo i resti, risale al Medioevo e prende il nome dal nobile settempedano, Marco Petilio, che governò la città di Settempeda dopo le invasioni barbariche.

Per tutto il Medioevo Pitino fu conteso dai vicini Comuni; avere il possesso di Pitino significava avere il controllo dell’intera valle del Potenza, in quanto importante via di comunicazione che collegava l’Umbria al Mare Adriatico.

Oggi abbiamo i resti di quattro torrioni e in uno di questi, a Sud-Est, si apre la porta principale, ma dovevano esserci ingressi anche in altri punti della cinta muraria.

Nel punto più alto del colle c’è la torre maestra, ed in prossimità della torre si trova una piccola chiesa dedicata a Sant’Antonio.

Pitino, Chiesa di Sant'Antonio

La Chiesa di Sant’Antonio fu realizzata alla fine del XV secolo.

Di interesse archeologico medievale sono i numerosi cunicoli sotterranei, la grande cisterna, nonché gli elementi di fortificazione. Da notare, inoltre, gli affreschi ancora esistenti del periodo cinquecentesco, attribuiti alla scuola pittorica settempedana.


Seguici

Seguici su Facebook
Seguici su Instagram
Seguici su Pinterest
blogviaticum@gmail.com